Matteo Renzi

La verità su: Nessuna irregolarità negli affidamenti di servizi alla società Florence Multimedia Srl

Tali affidamenti sono, infatti, pienamente legittimi, in quanto conformi alle leggi, ai vigenti regolamenti della Provincia di Firenze, allo Statuto della società medesima (approvato dal Consiglio Provinciale), ai documenti di programmazione economico-finanziaria dell’Ente (bilanci di previsione e PEG). Si fa riferimento in particolare:

  • Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali di cui al D.L.vo 18 agosto 2000, n°267;
  • l’art.6 dello Statuto della Provincia di Firenze, il quale stabilisce che l’Ente  “favorisce la partecipazione di tutti i cittadini singoli e associati ad ogni propria attività comprese quelle svolte in forma indiretta, nel rispetto dei principi di trasparenza, imparzialità, efficienza, economicità ed efficacia dell’azione amministrativa” e “assicura a tutti l’informazione sulla propria attività;
  • il Regolamento delle informazioni e sulle attività degli organi della Provincia il quale prevede all’articolo 1 che l’Ente “assicura ai cittadini l’informazione sulle attività del Presidente della Provincia, della Giunta e del Consiglio”;
  • la deliberazione del Consiglio provinciale n° 100 dell’11 luglio 2005 con cui:
    1. è stato stabilito di procedere alla costituzione della Società Florence Multimedia s.r.l. da parte della Provincia di Firenze con l’intento di  sviluppare nuovi canali e strumenti innovativi di comunicazione al fine di migliorare l’informazione rivolta ai cittadini, elaborando al contempo nuovi contenuti capaci di rimodellare il rapporto intercorrente tra amministrazione provinciale e cittadini, associazioni, istituzioni e imprese del proprio territorio;
    2. è stato approvato lo Statuto all’interno del quale sono più compiutamente esplicate e meglio definite le  finalità, attività e competenze proprie della Società;
  • la delibera di Consiglio provinciale n° 127 del 23 luglio 2007 con cui è stato approvato il nuovo Statuto di Florence Multimedia il quale ha recepito le novità legislative e gli orientamenti giurisprudenziali prevalenti in materia di affidamenti “in house providing”.

Tali atti hanno stabilito e definito il diretto collegamento tra le funzioni e i compiti di interesse pubblico propri della Provincia di Firenze e l’oggetto sociale della Società le cui attività assumono pertanto carattere strumentale rispetto a quelle dell’Ente e prevedono tra l’altro la progettazione, la consulenza, assistenza nel campo della comunicazione, dell’informazione e  dell’editoria, delle telecomunicazioni;

La Società Florence Multimedia s.r.l. è, infatti, una società a capitale interamente pubblico detenuto nella sua totalità dalla Provincia di Firenze che esercita sulla società compiti di programmazione e d’indirizzo in via permanente, compresi quelli di controllo esterno analoghi a quelli esercitati al proprio interno per l’espletamento delle proprie competenze e finalità istituzionali e sulle attività e servizi collegati.

Florence Multimedia s.r.l. ha svolto e svolge, quindi, attività strumentali strettamente connesse al perseguimento delle più generali finalità istituzionali proprie della Provincia di Firenze e , ai sensi dell’articolo 13 comma 1, del decreto legge 4 luglio 2006 n°223 –  convertito dalla legge 4 agosto 2006, n°248 – la società, a capitale interamente pubblico, opera esclusivamente nei confronti dell’amministrazione provinciale che ne esercita il pieno controllo, rispettando le condizioni previste dall’articolo 113 del Testo Unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali n° 267/2000 le condizioni contenute nelle sentenze emanate dalla Corte di Giustizia europea in tale materia di affidamenti in “house providing”.

 

Nessun “triplicamento” dei compensi alla società rispetto a quanto previsto da contratto di servizio

Tutti gli affidamenti effettuati nei confronti della società Florence Multimedia srl risultano coperti da specifici contratti/disciplinari di servizio. Tutti i servizi affidati hanno riguardato attività e prestazioni previste nell’oggetto sociale dello Statuto aziendale, approvato (e anche modificato) dal Consiglio Provinciale con apposita deliberazione. Proprio il Consiglio Provinciale ha stabilito, peraltro, di dotare l’ente di una società di servizi strumentali, posseduta al 100% dall’Amministrazione Provinciale, per l’affidamento in “hose providing” di determinate attività istituzionali di competenza dell’Ente, indicate e precisate nelle disposizioni statutarie della società.

Oltre al contratto generale di servizio, era possibile procedere, sempre nell’ambito delle attività/finalità contenute nell’oggetto sociale della società, ad ulteriori affidamenti a Florence Multimedia mediante appositi contratti/disciplinari di servizio.

Gli atti di programmazione dell’Ente stabilivano chiaramente che

  1. Al fine di operare una semplificazione delle procedure, ogni qual volta – all’interno delle declaratorie contenute nelle specifiche schede del Piano economico di gestione – viene stabilito che lo svolgimento delle attività di comunicazione e/o informazione debba avvenire attraverso l’affidamento “in house providing” alla Società Florence Multimedia s.r.l.,  la competente direzione della Provincia di Firenze può procedere direttamente con propri atti, in quanto attività di natura gestionale, all’affidamento stesso del servizio alla società Florence multimedia s.r.l. tramite apposito contratto di servizio e alla contestuale approvazione dei progetti e dei piani finanziari presentati dalla Società ai fini dell’espletamento degli interventi”;
  2. Ugualmente, le strutture direzionali e gestionali dell’Ente potranno procedere direttamente con proprie determinazioni in tutti i casi in cui occorra provvedere ad ampliamento, integrazione o specificazione del rapporto di collaborazione con la Società già costituito sulla base di deliberazioni e/o atti precedenti, senza che vengano modificate né le finalità, né l’oggetto sostanziale, in coerenza con  lo Statuto della Società Florence Multimedia s.r.l. In questi casi, le suddette strutture possono emanare ogni atto amministrativo, gestionale e contrattuale opportuno ai fini del consolidamento delle attività già in corso di realizzazione”.

Gli atti di programmazione generale dell’Ente (PEG) hanno definito Florence Multimedia srl quale “fulcro gestionale e fondamentale leva strategica per le attività di comunicazione e informazione di tutte le strutture operative della provincia di Firenze”  consolidandone il ruolo di soggetto strumentale di riferimento per tutte le Direzioni della Provincia di Firenze nell’ambito della progettazione e dell’attuazione di interventi strategici di comunicazione dell’Ente, così come previsto dalla deliberazione del Consiglio provinciale n° 100 dell’11 luglio 2005.

Le risorse economiche attribuite alla Società erano stabilite, con trasparenza e linearità, sia negli atti di bilancio (approvati dal Consiglio Provinciale) sia nel Piano Esecutivo di Gestione annuale (approvato dalla Giunta Provinciale).