Matteo Renzi

News

Al via con tre tappe toscane il tour di Matteo Renzi per le primarie PD 2013

Prende il via dalla Toscana il tour di Matteo Renzi per presentare le idee per cambiare verso al Partito Democratico e all’Italia, in vista delle primarie aperte dell’8 dicembre. In quella data tutti coloro che hanno compiuto 16 anni, senza alcuna tessera di partito,

Rinviato l’evento con Matteo Renzi a Genova

ATTENZIONE! L’evento con Matteo Renzi, previsto per il 20 novembre alle 17.30 al Teatro Modena di Genova, è stato rinviato. Successivamente sarà indicata una nuova data. Il Sindaco di Firenze sarà in tour per presentare le sue idee per cambiare verso al Partito Democratico e all’Italia, in vista delle primarie aperte dell’8 dicembre. In quella data tutti coloro che hanno compiuto 16 anni, senza alcuna tessera di partito, potranno esprimere un voto per eleggere il segretario del PD e per partecipare al futuro dell’Italia.

«Sull’incarico decide il Colle. Leali ma il partito ora cambi»

messaggero

messaggeroDa Il Messaggero del 7 Marzo 2013

\n

«Questa legislatura ha ogni caratteristica per battere i record di durata in negativo. Se fallisce il tentativo di Pier Luigi? É chiaro che si aprirebbe uno scenario diverso»

\n

C’è chi lo vede già designato premier di un governo di responsabilità nazionale o candidato alle primarie per guidare il Pd a nuove elezioni. Di certo Matteo Renzi ragionava su scenari ben diversi, con il punto fermo della ricandidatura a sindaco di Firenze nel 2014 per poi, semmai, forte di quella vittoria annunciata, affrontare nuovamente la corsa per la leadership di un centrosinistra di governo. Lo tsunami elettorale lo sta costringendo a rivedere in fretta le prossime tappe. Intanto ieri ha partecipato alla direzione pd per la terza volta dacché è in campo, e quindi comunque un segnale lo voleva dare. Poi però se n’è andato senza parlare.

\n

Danti (Comitato Renzi): “Casi gravissimi ai seggi”

“Dall’apertura dei seggi fino ad ora persistono in Toscana casi gravissimi, che mettono a rischio la validità del voto in numerosissimi seggi. Chiediamo al coordinamento toscano delle primarie di intervenire immediatamente per ripristinare condizioni minime di legalità in tutta la

Venti motivi di differenza tra noi e loro

1) Noi vogliamo abolire il finanziamento pubblico ai partiti. Loro no. Hanno giustificazioni nobili e risalgono persino a Pericle. Poi però votano con Fiorito l’aumento dei fondi in Regione Lazio. E presentano disegni di legge con Sposetti per aumentare il contributo alle fondazioni.

\n

2) Noi abbiamo la vocazione maggioritaria. Loro hanno la vocazione minoritaria. E allora va bene chiunque, da Diliberto fino a Casini. Però poi non si governa. E la triste fine dell’Unione lo dimostra. 

\n

3) Noi abbiamo rispettato tutte le regole. E le pagine a pagamento comprate non erano per Renzi, ma per invitare al ballottaggio. Loro hanno scritto tutte le regole, ma si sono dimenticate di rispettarle. Dai manifesti di Roma agli annunci su La Stampa con scritto “Vota Bersani”. Bisognerebbe diffidare dei moralisti senza morale.

\n

Gelli (comitato Renzi): “Una volta il partito faceva l’appello al voto, ora questo si è trasformato in un appello al non voto”

“Una volta il partito faceva l’appello al voto, mentre ora questo si è trasformato in un ‘appello al non voto’. Dopo le regole che limitano la partecipazione, adesso si sfiora il ridicolo con questo assurdo appello al non voto”. Lo

Gli appuntamenti di Matteo Renzi per sabato 1 dicembre e domenica 2 dicembre

Domani, sabato 1 dicembre, alle ore 12, a Milano, al Centro Sociale Barrio’s, via Barona angolo Via Boffalora, Gad Lerner intervista Matteo Renzi.Alle 15 Matteo Renzi sarà a Carpi (Modena) dove incontrerà i cittadini al Cinema Corso, in Corso Manfredo

Bonafè (comitato Renzi): “La Santanchè pensi al suo partito e legga i programmi”

“Fa ridere che Daniela Santanchè abbia il tempo di pensare al Pd vista la situazione in cui versa il centrodestra” dice Simona Bonafè, del Comitato Matteo Renzi, sulle dichiarazioni fatte dall’esponente del Pdl. “Suona assurdo che si occupi di ipotetiche