Matteo Renzi

News

Diritti Adesso! Manifesto LGBT in sostegno di Matteo Renzi

Presentazione Diritti adesso - Manifesto LGBT

Presentazione Diritti adesso - Manifesto LGBT

\n

Riconoscere ciò che in natura è il collante che crea una società, è una necessità che appartiene a tutti e per prima alla politica. L’amore è sinonimo di futuro, di progettualità, di famiglia.

\n

Siamo esausti di una politica che in questi anni ha promesso e ha dato solo briciole a tutti noi: a tutti noi cittadini di questo Paese, in perenne attesa di risposte ai problemi reali. A tutti noi in quanto donne e uomini che vivono liberamente la propria voglia di amare. A tutti noi cittadini lesbiche, gay, bisessuali, transessuali.

\n

Non è più tempo di promesse che non verranno mantenute. E’ il momento di fare un salto di qualità.

\n

Nicola Eynard: “Perché sostengo Matteo Renzi”

Molte persone (militanti del PD e non) con le quali, in questi anni, ho condiviso ideali progressisti, oggi mi guardano stupite, sconcertate dal fatto che io possa sostenere uno così. Un giovane impertinente, che non sembra avere il dovuto rispetto per la gloriosa storia della sinistra italiana (forse gli interessa troppo il futuro piuttosto che il passato); sospettato di intelligenza con il nemico perché è un ottimo comunicatore (ma è un difetto?) e perché non insiste nel parlar male di Berlusconi (cosa in cui noi ci siamo applicati con estenuante sterilità negli ultimi 20 anni). Ma perché questa diffidenza istintiva verso il Sindaco di Firenze?

\n

Fausto Recchia (Pd): “Casini vuole allearsi con noi, ma nel Lazio ha brigato per continuare a pagare lo stipendio a Fiorito”

“Casini a livello nazionale fa il puritano e vuole allearsi con il Pd, ma nel Lazio ha brigato con il suo Ciocchetti, vice della Polverini, per rimandare il voto alle calende greche e continuare a pagare lo stipendio a Fiorito”.

Il deputato Mario Adinolfi (Pd): “Va rottamato anche Casini”

“Casini immortale della politica, da trent’anni in parlamento, non poteva che sostenere Bersani. Va rottamato anche lui”. Lo dichiara il deputato Pd Mario Adinolfi a proposito delle dichiarazioni dell’on. Pier Ferdinando Casini.

Il senatore Marcucci (Pd): “Casini vuole decidere il vincitore delle primarie del centrosinistra? No, grazie”

“Casini vuole decidere il vincitore delle primarie del centrosinistra? No, grazie. Da vent’anni è leader del suo partito personale al quale ha cambiato nome due o tre volte, faccia le primarie anche lui invece di voler entrare a gamba tesa

Unire con Matteo Renzi – Manifesto per il Sud

manifestosud

manifestosud

\n

Noi lo sappiamo. Non ci si salva da soli, ma se si va avanti insieme, e se nessuno resta indietro. Per troppe generazioni il racconto del Sud povero e senza redenzione ha fatto comodo a molti, a quelli che lo ritenevano un problema di cui disfarsi e a quelli a cui conveniva che nulla cambiasse. Perché un Sud debole, clientelare, assistito, sempre uguale a se stesso era la garanzia per chi ha progressivamente ridotto investimenti nazionali, e per chi ha governato queste terre foraggiando clientela e malcostume, sperperando risorse pubbliche senza costruire sviluppo.

\n

Blogger Lina a Renzi: “Vai avanti con rottamazione. Tocca a noi”.

blogger

bloggerROMA, 14 NOV – ”A Matteo Renzi dico di andare avanti con la ‘rottamazione’ dei vecchi del suo partito. Ho sentito che ha avuto dei problemi per questo, ma io lo incoraggio a proseguire perche’ – in Tunisia come in Italia – e’ il momento di lasciare una chance ai giovani”. A parlare è Lina ben Mhenni, la blogger tunisina citata dal sindaco di Firenze nel suo Pantheon personale durante la sfida tv tra i candidati alle primarie di centrosinistra. Alla domanda del moderatore di Sky su chi fossero le figure di riferimento dei candidati, Renzi ha infatti risposto: ”Nelson Mandela e Lina, 29 anni, blogger tunisina che sta combattendo per i diritti delle donne in Tunisia dopo aver combattuto la dittatura di Ben Ali attraverso il suo computer”

\n

Primarie: Roberto Reggi replica alle dichiarazioni di Laura Puppato

“Le accuse di Laura Puppato non fanno ridere. Fa invece sorridere quando qualcuno cerca visibilità con dichiarazioni a dir poco assurde“. Così Roberto Reggi, coordinatore della campagna per le primarie di Matteo Renzi, replica alle dichiarazioni di oggi della candidata