Matteo Renzi

Rassegna stampa

Dal New York Times “36 Hours in Florence”

WITH its Renaissance treasures and centuries-old stately palazzi, Florence is sometimes treated like a living museum rather than a vibrant city with contemporary culture. That myth is harder to sustain these days, thanks in part to Matteo Renzi, the city’s 35-year-old mayor, who was elected last year with promises to stir up the Tuscan capital.

\n

Renzi: “Se si continua così, nel 2014 la città sarà trasformata”

lanazione

Articolo pubblicato su La Nazione, domenica 4 luglio 2010. Firenze, 4 luglio 2010 – «SI PUÒ SEMPRE fare di più, ma nemmeno il nostro più convinto sostenitore avrebbe scommesso sul numero di cose impressionanti fatte in soli dodici mesi. Dagli sgomberi alla cultura, dal duomo all’aeroporto, dai campini alla tramvia, dal piano strutturale a volumi zero al rilancio del turismo… siamo convinti che la cosa più bella sia sempre la prossima, ma se ci giriamo indietro vediamo tanto fieno in cascina. Con questi ritmi nel 2014 avremo trasformato Firenze».

\n

Matteo Renzi a porta a porta del 10 giugno

portaaporta

portaaporta

\n

Matteo Renzi ha partecipato alla puntata conclusiva della stagione 2009-2010 di Porta a Porta.

\n

In un intervento ha parlato di come Firenze sta organizzando l’estate non solo a misura di turista, ma anche di cittadino.

\n

Renzi: “Né inciucio né dialogo e lasciamo perdere l’inaffidabile Fini”

La Repubblica logo

Intervista pubblicata su La Repubblica del 28 aprile, di Goffredo De Marchis. ROMA – No all’inciucio, sì alle emozioni. No a Fini, sì a un Bersani “che non si fa trascinare nel dibattito del Pdl”. No a Mario Draghi o Luca di Montezemolo “alle logiche politiciste nella scelta del leader”, sì a Nichi Vendola “che piace anche a mio padre, cattolico e vecchio democristiano”. Matteo Renzi, sindaco di Firenze, risponde al telefono da Chicago, la città di Obama. È solo una coincidenza, per il momento. Il consigliere del presidente americano Rahm Emanuel ha riunito per una conferenza 20 sindaci di grandi città europee.

\n

«Basta parlare di alleanze, sono un pacco. Meglio tornare fra la nostra gente»

Intervista pubblicata su L’Unità del 25 aprile di Francesco Sangermano. Il suo orizzonte ha una direzione precisa. «Investiamo su di noi, non su di loro». Il Patto repubblicano ipotizzato da Bersani lo lascia dubbioso. E il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, lo dice con chiarezza.
«Con tutto il rispetto per il segretario e il ruolo a cui i cittadini lo hanno eletto, a me questa storia convince il giusto».

\n

Il sindaco Matteo Renzi alla trasmissione Anno Zero

Il sindaco Matteo Renzi ospite alla trasmissione Anno Zero condotta da Michele Santoro. In studio, oltre al sindaco, erano presenti Giuseppe Civati, Debora Serracchiani, Mara Carfagna e Benedetto della vedova.

\n

In trasmissione anche Marco Travaglio e il vignettista Vauro

\n

 

\n

Renzi: basta tristismo. Si torni a parlare al Paese

ilmattino

Articolo di Teresa Bartoli pubblicato su Il Mattino del 16 aprile 2010.  «Ho detto di peggio nella mia vita, e vorrei uscire dallo stereotipo di quello che attacca sempre il Pd» dice Matteo Renzi. Ma il sindaco di Firenze non nega di pensare che opponendo «al sorriso di plastica» di Berlusconi le «maschere di cera» del Pd non si vince.  Senza alleati non si vince… «Prima serve un sussulto del Pd, che ha un patrimonio di amministratori e entusiasmo sopito da riaccendere. Abbiamo di fronte tre anni, raccontiamo che Paese vogliamo e poi decidiamo se farlo con Di Pietro piuttosto che con Casini. E incalziamo il governo, che non combina nulla».

\n

Il futuro del Pd al centro della puntata di Tetris

Chi potrà battere Berlusconi alle elezioni del 2013? Quale sarà il futuro del Pd? Questi i temi al centro della puntata di Tetris di ieri sera, su La7. A rispondere alle domande del conduttore Luca Telese c’erano il sindaco di Firenze Matteo Renzi, Giovanna Melandri, deputata del Pd, Fabio Evangelisti, vicepresidente dell’Idv alla Camera, Bruno Tabacci, esponente di Alleanza per l’Italia, il direttore di Italia Futura Alessandro Campi e il leader della Destra Francesco Storace. Presenti come ‘giuria’ Mario Sechi, direttore del Tempo, Lamberto Sposini (Rai) e Sergio Rizzo (Corriere della Sera).

\n