Matteo Renzi

Vince Renzi, almeno il confronto

\n

ilfogliodi Claudio Cerasa su ilfoglio.it

\n

Matteo Renzi ha vinto il confronto televisivo di stasera contro Pier Luigi Bersani forse persino con un margine di vantaggio maggiore rispetto a quello che aveva già registrato due settimane fa su Sky. Renzi è apparso più sicuro, più sorridente, più preciso e ha assestato un paio di colpi da ko a Bersani su alcuni temi in particolare: finanziamento pubblico ai partiti, alleanza con Casini, conflitto di interesse, vocazione maggioritaria, rischio nuova Unione con il segretario. Bersani – anche nella postura – è apparso più debole e meno preciso e un po’ più vago su molti argomenti (politica industriale, per esempio, ci si sarebbe aspettato qualche risposta più ficcante, qualche esempio) e ha dimostrato ancora una volta di non avere grandissima dimistichezza con la tv.

\n

 

\n

Bersani è apparso sicuramente rassicurante, garbato, educato, si è incazzato molto quando Renzi ha fatto notare al segretario che con lui al governo il rischio di una nuova Unione stile Prodi 2006-2008 è concreto, ma semplicemente non è riuscito a reagire e a controbattere a Renzi quando il sindaco attaccava lui, il suo mondo e il suo patto di sindacato. Molte risposte imbarazzanti e di basso livello sul tema donne al governo (metà donne e metà uomini non si può sentire) molta retorica su mafia e politica estera (anche se qui Renzi più efficace nel parlare dell’Iran) ma più in generale non sembra esserci stata grande partita.

\n

Renzi batte Bersani per 3-1, direi, e considerando che il confronto è avvenuto nello stesso giorno in cui con una certa lungimiranza il Pdl ha scelto di rinviare e forse non fare le primarie non è da escludere che una piccola parte dei famosi delusi del centrodestra non decida tra domani e dopodomani di inviare un fax o una mail a un coordinamento provinciale del centrosinistra.

\n

Bersani resta ancora stra-stra-stra-stra favorito, e Renzi ha ancora molto da correre per recuperare e sarà quasi impossibile che riesca a rimontare. Ma giudizi a parte una cosa molto bella della serata per il centrosinistra è una ed è semplice: con una coppia come Renzi e Bersani il centrosinistra non lo batte nessuno. Bisognerà vedere dopo domenica prossima cosa resterà di questa coppia. Se sarà molto non ci sarà partita, per gli altri.