Matteo Renzi

L’atteggiamento della coalizione italiana? Stupido

In un’intervista a “Le Monde”, l’ex presidente del Consiglio italiano sostiene, all’approssimarsi del 2019, un’alleanza con Emmanuel Macron per contrastare i partiti al potere nella Penisola e i loro alleati nel Vecchio Continente.

A che punto sono i vostri colloqui con la République en Marche in vista di un’eventuale alleanza per le elezioni europee?

È importante dare un messaggio di speranza sul futuro dell’Europa in vista delle elezioni. Si tratta di distinguere tra una visione europea e una visione populista di queste elezioni. Un grande ressemblement è possibile e necessario al centro e a sinistra, intorno all’LRM, al Partito Democratico, ai Socialdemocratici, ai Liberali dell’Alde, a Ciudadanos, senza dimenticare un movimento molto europeista come i Verdi tedeschi… un’alleanza aperta a tutte le forze che condividono una nuova piattaforma progressista. Si tratterà soprattutto di andare contro la destra populista e nazionalista, in particolare in Italia. Né Melenchon e Corbyn sono il futuro. La sinistra deve essere interessata a migliorare la vita quotidiana delle persone, senza rinchiudersi nell’ideologia.

Come si può fare campagna elettorale in Italia, dato che il paese sembra essere diventato euroscettico?

È una battaglia per l’Europa, ma per un’altra Europa, una nuova Europa. Dobbiamo anche lottare per i valori fondamentali dell’Europa e impegnarci per un’Europa che risponda alle esigenze dei suoi cittadini: penso, ad esempio, a una vera difesa europea o a nuove iniziative europee contro la disoccupazione, ma anche a grandi progetti per la cultura e la conoscenza.

Nel 2014, il Pd è stato il partito con il maggior numero di voti in tutta l’UE, anche più della CDU di Angela Merkel. Grazie a questo, siamo stati capaci di insistere sui temi degli investimenti, dell’occupazione giovanile, in modo da non focalizzarci solo sull’austerità e la flessibilità. Abbiamo spinto per l’accordo di Parigi sul clima… Ormai, Matteo Salvini è associato all’estrema destra di Marine Le Pen e Luigi Di Maio al britannico euroscettico Nigel Farage. Queste alleanze rivelano la natura della coalizione: il Movimento 5 Stelle è pericoloso quanto la Lega. Coltiva le stesse contraddizioni democratiche, la stessa opposizione all’Europa.

I risultati di Macron in Europa consentono di condurre una campagna elettorale?

Emmanuel Macron rimane il leader più forte al momento in Europa, se si considera la situazione in Germania, Spagna, per non parlare del Regno Unito. Ho grande ammirazione per il sistema istituzionale francese, che permette al Capo dello Stato di godere di una grande stabilità durante il suo mandato; ho cercato di ispirarmi alla Francia per riformare le istituzioni italiane. Emmanuel Macron ha lasciato il segno superando le forze tradizionali e battendo l’estrema destra su un’agenda coraggiosa di cambiamento per la Francia e l’Europa. Credo che il prossimo maggio uscirà dalle urne una maggioranza filoeuropea.

La piattaforma che volete formare con Macron si basa sull’indebolimento della Merkel come leader del PPE?

Il PPE ha perseguito una strategia suicida aprendosi a tutti i partiti che sostengono di combattere la sinistra, senza ulteriori chiarimenti. Questo gli ha permesso di unirsi a Berlusconi o a Orban, anche se ciò significava perdere coerenza. La Merkel ha giocato bene, quando gli eletti della CDU hanno votato al Parlamento europeo per sanzionare Viktor Orban, contro il consiglio di Salvini e del partito di Silvio Berlusconi. Vedremo cosa deciderà ora il PPE. La candidatura di Manfred Weber, ansioso di mantenere i rapporti con Orban, rappresenta un ponte tra il Partito Popolare e i populisti.

Come valuta la politica europea della coalizione Salvini/Di Maio, in particolare sulle questioni di bilancio?

L’atteggiamento della coalizione italiana è stupido. Innanzitutto, non è credibile decidere da soli, senza tener conto degli impegni europei. In sostanza, le proposte concrete non mirano affatto a incoraggiare il lavoro, rendendo più flessibile il sistema pensionistico e introducendo un reddito universale. Il valore dei titoli di Stato italiani e della capitalizzazione di mercato è diminuito di 300 miliardi di euro a causa di questo comportamento. E’ anche stupido per Salvini attaccare Macron, dal momento che dobbiamo lavorare insieme sulla questione per Superare le divisioni politiche tradizionali.

Lei stesso ha proposto durante l’ultima campagna elettorale di aumentare il deficit al 2,9% del PIL…

Sì, ma volevo farlo in accordo con i partner europei, non contro di loro. E in particolare per sostenere gli investimenti, l’innovazione e le riforme. Il Fiscal Compact adottato nella zona euro è un errore. Ma abbiamo voluto rispettare le regole, perché è una condizione necessaria quando proponiamo di cambiarle. Ormai, tutto ciò che è stato fatto per uscire dalla crisi è stato messo in discussione da decisioni a breve termine. E’ facile essere populisti all’opposizione, molto meno al governo.

Non si pente di aver rifiutato di governare con i 5 stelle, cosa che avrebbe impedito al movimento di associarsi all’estrema destra?

No. Metà degli italiani voleva un cambiamento. Abbiamo dovuto rispettare il loro voto e andare all’opposizione, contrariamente a quanto pensavano le poche persone del mio partito che volevano rimanere al governo. Abbiamo parlato con il M5S, ma non è stato possibile accordarsi con loro, ad esempio sulle infrastrutture o sulle politiche di vaccinazione. Non è possibile allearsi con un movimento che è contro l’Europa, contro la scienza e vive al ritmo degli algoritmi, senza democrazia interna. L’M5S è un movimento di estrema destra pericoloso per la democrazia e per l’Europa.

Non si rammarica della mancanza di sostegno da parte dell’UE in materia di migrazione?

Il nostro problema non è l’immigrazione, ma l’illegalità. La questione migratoria non è stata gestita adeguatamente dalla classe politica italiana. L’Europa avrebbe potuto certamente dare un segnale, ma, in sostanza, per Bruxelles non era un grosso problema. Nel 2015/2016, non era una preoccupazione avere poche decine di migliaia di migranti in Italia, un paese di oltre 60 milioni di abitanti. A causa della carenza di manodopera e del deficit demografico, la parte settentrionale del paese, da cui ha avuto origine la Lega, non funziona senza immigrazione. Abbiamo anche preso le misure necessarie in collaborazione con le autorità libiche. Non dobbiamo quindi cedere alla dittatura della paura sfruttata da Salvini.

Come spiega la popolarità di quest’ultimo?

E’ un ottimo politico nel cambiare idea. Il Ministro dell’Interno sta attualmente difendendo la polizia, ma è l’unico politico italiano ad essere stato condannato per oltraggio alle forze dell’ordine. Nel 2006, nella finale dei mondiali contro la Francia, il leader della Lega Nord tifava Francia contro l’Italia. Ma quest’anno, per attaccare Macron, tifava Croazia… Il governo sta iniziando a perdere punti nei sondaggi: la legge di bilancio non è solo contro l’Europa, ma non mantiene le promesse elettorali della stessa coalizione.