Enews 616, lunedì 3 febbraio 2020

    



Enews 616, lunedì 3 febbraio 2020   

Buongiorno! 
Bellissime le emozioni dell’Assemblea Nazionale di Italia Viva: Buon Governo contro Populismo. Bellissime, davvero. C’è una comunità di donne e uomini vera, viva, vivace. Abbiamo idee da condividere e sogni da concretizzare: ci siamo! Non siamo uno zoccolo duro di reduci, ma un gruppo di pionieri che indica le priorità per il futuro. Chi è stato a Cinecittà sa di che cosa parlo. Da parte mia grazie a chi è stato con noi e alle migliaia di persone che hanno seguito le dirette sui vari canali dedicati. Per chi fosse interessato ad approfondire:

- Qui il mio (lunghissimo!) intervento introduttivo, dalla Brexit alla Libia fino alle vicende del governo e all’organizzazione di Italia Viva.

- Ho citato Fabiola Gianotti la donna italiana del Decennio. Lo penso davvero. E qui trovate un pezzo del suo ragionamento da Fabio Fazio ieri sera.

- Qui la replica, con l'agenda delle prossime tappe.

• Oggi parte il primo camper per le Regionali.  E chi volesse sapere perché non stiamo con Michele Emiliano, ascolti le ragioni splendidamente illustrate da Teresa Bellanova ieri.

Il 14 febbraio sarà formalmente consegnato al Governo il testo di "Italia Shock". 

•  Il 27 febbraio la presentazione della campagna Giustizia Giusta

•  Il 2 marzo gli Stati Generali dell’Economia in una fabbrica del Nord Italia.

Il 7/8 marzo pianteremo altri 10.000 alberi in tutta Italia per tener fede al nostro obiettivo di un albero per ogni iscritto. 

Il 21 marzo il Forum degli Amministratori locali in Campania. 

Entro il 31 marzo, 100 sedi fisiche aperte in tutta Italia e 500.000 registrati nella nostra piattaforma (per chi non l’avesse fatto, qui il link). 

In Estate, la Seconda edizione della Scuola di formazione politica. L’anno scorso il Ciocco, quest’anno Castrocaro. Del resto: quale posto migliore per scoprire i giovani talenti… della politica?

Qui il primo elenco dei coordinatori provinciali, come sempre donna e uomo su tutti i territori.

Abbiamo anche chiesto una mano a tutte e tutti per sostenere i costi delle nostre iniziative. Come sapete abbiamo abolito convintamente il finanziamento pubblico ma la criminalizzazione del finanziamento privato ci porta ad avere come unica risorsa il finanziamento con piccole cifre: 5, 10, 50€ per noi fanno la differenza. Chi vuole può aiutarci cliccando qui.

A proposito di soldi che servono per la politica. Mike Bloomberg ha realizzato questo spot per il Super Bowl, il momento clou perché tutti gli americani sono incollati alla TV e guardano anche la pubblicità. Molti messaggi in un minuto: la bellissima e giustissima campagna contro le armi, la presentazione di un Sindaco concreto che fa anche battaglie ideali e forti, una campagna fatta con tanti soldi perché Bloomberg può permettersi di non badare a spese, il messaggio per le famiglie fuori dal circuito del politichese. Ne riparleremo presto.



Ieri abbiamo formulato un’agenda di appuntamenti precisa e serrata ma dettare l’agenda politica è la nostra ambizione. Per questo:

I. Abbiamo detto al Ministro Bonafede che sulla prescrizione non si può andare contro tutti. Noi siamo dalla parte del garantismo, non del giustizialismo. E con noi c’è la totalità degli avvocati, la stragrande maggioranza dei magistrati e dei commentatori, il parere unanime degli esperti. La riforma Bonafede/Salvini viola i principi costituzionali e fa del male all’amministrazione della Giustizia. Partiamo dal lodo Annibali per bloccarne gli effetti e discutiamone insieme. Se invece Bonafede vuole forzare, sappia che almeno al Senato non ha i numeri in Parlamento. In attesa che anche il PD torni su questo tema a pensarla come la pensava qualche anno fa e difenda la legge voluta dall’allora ministro Orlando.

II. Blocchiamo le polemiche e sblocchiamo i cantieri. Il piano Italia Shock è pronto e per prima cosa potremmo dare un segnale ripristinando le Unità di Missioni sull’edilizia scolastica e contro il dissesto idrogeologico. Spendiamo questi soldi oggi anziché piangere lacrime di coccodrillo domani.

III. Sulle Autostrade. Per noi Autostrade deve pagare: più controlli sulle infrastrutture, meno pedaggi, risarcimenti. Ma la strada di mettere in discussione tutte le concessioni rischia di essere un autogol. Si faccia pagare chi ha sbagliato, non si aprano contenziosi con tutti i concessionari d’Italia col rischio di allontanare gli investitori stranieri.

IV. Sulle tasse diamo tutti una mano a eliminare le microimposte rimaste e sosteniamo il ministro Gualtieri con la proposta di riordino dell’Irpef, lanciata da Luigi Marattin anche in Assemblea, e con l’implementazione delle misure giuste che abbiamo riportato in Legge di Bilancio, dai Pir a Industria 4.0, dagli 80€ rafforzati fino al JobsAct.

Noi ci siamo. Forza! L’Italia merita coraggio e passione, non polemiche.



Il Corona Virus è una cosa molto seria. Ma la qualità della ricerca – anche della ricerca italiana – dimostra che la scienza può fare molto. Allora avanti senza psicosi e senza toni esasperati. E bene ha fatto il Presidente Mattarella a scrivere al Presidente Xi Jinping per esprimere la solidarietà e la vicinanza italiana al popolo cinese. Un grande Paese sa gestire le emergenze con forza e saggezza. E noi siamo un grande Paese, non dimentichiamocelo mai.

Un sorriso,