Enews 968 lunedì 27 maggio 2024

Le attività ed i successi che portiamo avanti dipendono dall'impegno di ognuno di noi. Ogni contributo è importante.
dona italiaviva

Buongiorno e buona settimana.
Mancano dieci giorni alla fine di questa campagna elettorale in cui ci si candida per le Europee ma tutti parlano d’altro.
Per chi vuole stasera siamo alla SALA ROSSA del Palazzo dei Congressi di Firenze, in un luogo per me evocativo, per raccontare perché stiamo mettendo tutti noi stessi in questa sfida. Mi piace l’idea di tornare nel luogo dal quale ho cominciato e raccontare perché oggi è arrivato il momento di una sfida nuova. Di una nuova partenza. Grazie a chi deciderà di essere con noi stasera. Ci tengo molto! 
 
In sintesi:
 
1. Mentre leader internazionali evocano la terza guerra mondiale, Meloni e Schlein litigano su Telemeloni e Teletubbies. Abbiamo un quadro di politica estera difficilissimo e per questo servono gli STATI UNITI D’EUROPA. Basterebbe il caos internazionale per far capire quanto è urgente inviare a Bruxelles degli statisti. Meloni e Schlein (e Tajani/Calenda) invece si candidano ma poi se eletti NON CI VANNO e mandano le controfigure. Fatemi capire: se chi si candida e viene eletto poi non va in Europa, con che faccia si chiede ai cittadini di andare a votare? Questo è un punto decisivo della nostra campagna elettorale. In un momento di crisi internazionali noi proponiamo gli STATI UNITI D’EUROPA e se vinciamo, andiamo davvero in Europa. Loro parlano di questioni interne e si candidano per finta. Continuo a pensare che sia uno scandalo. Un vero e proprio scandalo. Voi che dite? State segnalando questa assurdità ai vostri amici, agli incerti, agli indecisi? Vi leggo: [email protected].
 
2. La campagna prosegue. Sono stato solo negli ultimi giorni a Pompei (dove ho raccontato perché la rinascita di Pompei frutto dei fondi europei e dell’azione del nostro Governo è il vero programma elettorale che io posso offrire al Mezzogiorno), Benevento, Roma, Palermo, Agrigento, Messina, Taormina, Catania. Trovate tracce delle tante iniziative sui social. Scusate se non riuscirò a essere ovunque. Purtroppo siamo partiti tardi con la campagna. Tornerò a girare ovunque anche dopo le elezioni. Intanto grazie a chi fa i gazebo. E per chi vuole il materiale elettorale con il mio nome l’invito è mandare un sms al Text Renzi 3347335300, cui potete anche rivolgervi per domande, idee, spunti. Domani sera faremo un’altra diretta per rispondere alle vostre domande.
 
3.  Link ad alcune uscite degli ultimi giorni:
a.   Sul referendum costituzionale ho dato dei consigli a Giorgia Meloni. Del resto credo di essere un esperto della materia. La Meloni se perde dovrà dimettersi, che voglia o non voglia. Qui spiego perché.
b.  Sul redditometro il Governo mente sapendo di mentire. Non solo hanno pestato una buccia di banana, ma poi danno pure la colpa agli altri.
c.  Sul sociale: sono stato al Don Orione di Ercolano. Gli Stati Uniti d’Europa o saranno solidali o non saranno. E il sociale allora deve essere una priorità. Su questo forse devo battere di più anche alla luce delle tante leggi che abbiamo fatto, come il Dopo di noi, il Terzo settore, la legge sull’autismo.
d.  Interviste degli ultimi giorni. Ho fatto alcuni interventi ed interviste a Libero, La Nazione Firenze, Avvenire, Corriere della Sera, Il Dubbio e Il Tempo.Le trovate tutte sul mio canale whatsapp al quale invito ad iscrivervi – se volete – per rimanere aggiornati su tutto in queste ultime giornate di corsa.
 
Un sorriso,
Matteo
 
PS. Più incontro persone, più capisco come in queste elezioni la nostra proposta sia totalmente diversa dagli altri. Loro pensano ai loro partiti, noi pensiamo ai nostri figli: mettono il loro cognome nel simbolo per contarsi, noi mettiamo gli Stati Uniti d’Europa per sognare. È una differenza enorme. Nei momenti di stanchezza, ricordatevelo: mai come stavolta, noi siamo dalla parte dell’ideale contro il cinismo, dalla parte della politica contro il populismo. Non so se questo porterà voti. Ma avere consapevolezza di questa differenza aiuta ad andare avanti con entusiasmo ed orgoglio.